fbq('track', 'ViewContent');

My UV Patch dalla pelle allo smartphone

My UV Patch dalla pelle allo smartphone
Share Button

Con l’arrivo della bella stagione si parla spesso di come aver cura della propria pelle e di come proteggerla al meglio dai raggi solari (ti può interessare LA GUIDA SU COME PROTEGGERSI DAL SOLE), ma fino ad oggi non si era ancora visto un supporto concreto di controllo e monitoraggio.
My UV Patch rientra nella categoria dei cerotti intelligenti, che grazie a dei sensori ci permetterà di monitorare il livello di esposizione ai raggi solari.
Non dimentichiamo che il 90% dei tumori alla pelle avviene per una non corretta esposizione al sole.

Il cerotto nasce dalla partnership fra L’Oréal’s US-based Technology IncubatorMC10 Inc, una delle principali realtà nel campo della “elettronica elastica”, presentato a Gennaio 2016 e presto  finalmente disponibile in commercio.
Il fatto che questo sia solo l’inizio lo si evince chiaramente dalle dichiarazioni di Scott Pomerantz, CEO di MC10:

“Questa partnership con L’Oréal segna una nuova pietra miliare per la MC10 e sottolinea l’intersezione di tecnologia e bellezza e il potenziale illimitato di dispositivi collegati all’interno del mercato della bellezza”.

Come si usa My UV Patch?

L’utilizzo è davvero semplicissimo, si tratta di un cerotto a forma di cuore che può essere applicato su qualsiasi parte del corpo, purché chiaramente esposta al sole.
La superficie del cerotto è costituita da dei “quadratini colorati” che cambiano colore in base al livello di esposizione ed in funzione del proprio colore della pelle.
A questo punto, basta aver scaricato l’applicazione La Roche-Posay My UV Patch e fare la scansione del cerotto, per vedere il livello di esposizione.

A differenza di altri cerotti, decisamente più rigidi e meno confortevoli, My UV Patch si distingue per la sua particolare elasticità che segue estensibilità che segue lo stiramento naturale della pelle.
In merito all’uso però, Guive Balooch (presidnete della L’Oréal’s US-based Technology Incubator) è stato molto chiaro, non serve a ricordarci di mettere la protezione ma a monitorare la quantità e la qualità dell’esposizione al sole.
Durata? 5 Giorni.

Come funziona My UV Patch?

Lo strato superficiale è composto da 16 quadrati, 10 dei quali sono colori di riferimento e 6 sono quelli che cambiano cromaticamente a velocità differenti. Un quadrato ad esempio si colora con pochi minuti al sole, un altro a distanza di ore e così via. L’ordine e il colore dei quadrati non sono altro che un algoritmo matematico sotto forma di pixel. Con l’ausilio dell’app, dopo aver inquadrato il cerotto con il proprio smartphone, è possibile sapere quanto a quanto sole è stata esposta la pelle nel periodo durante il quale si è indossato il cerotto.

applicazione my uv patch

My UV Patch non è semplice promozione

Oltre ad essere un banco di prova per futuri strumenti di test sui futuri prodotti (con una tecnologia in grado di controllare le proprietà della pelle nella vita quotidiana), L’Oreal sta andando oltre la semplice promozione, andando a lavorare sullo stile dei vita dei propri consumatori indirizzato verso comportamenti più sani e responsabili.  Piccolo appunto. Spero possano produrre anche cerotti dal design più maschile.
Il cuoricino sarà pure tanto carino ma già vedo il sorrisone ebete del mio vicino d’ombrellone.

About Pietro Pirrone

Author Image
Esperto di Web Marketing, Comunicazione e Ecommerce Manager da circa 10 anni. Segue le imprese su internet nella pianificazione delle strategie e degli strumenti per la loro presenza online.